quinta classe

anni 10/11

 

Il movimento armonioso, equilibrato e ordinato rappresenta l’elemento distintivo di questa fase di crescita. Armonia ed equilibrio vivono anche nell’ interiorità, e il bambino tende a raggiungere con naturalezza un giusto contrappeso tra la consapevolezza di sé e il mondo esterno, tra la propria interiorità e il rapporto con gli altri.

Nella facoltà del pensiero si accresce la capacità di formare immagini e rappresentazioni sempre più chiare, complesse e aderenti alla realtà e si sviluppa, grazie al consolidarsi della memoria, la capacità di orientarsi sia nel tempo che nello spazio.

Questa è l’età in cui le capacità individuali fioriscono rapidamente e nella quale gli alunni iniziano ad esprimere con qualità creative e personali, molto di ciò che hanno imparato negli anni precedenti.

 

Italiano

È importante che a questa età si sviluppi la capacità di distinguere la propria opinione da quella altrui; il ragazzo deve essere messo in grado di riferire oralmente e per iscritto cose che egli stesso ha pensato, visto o udito e di riportare anche pareri di altri. Il linguaggio orale viene esercitato quotidianamente durante il corso di tutto il biennio soprattutto attraverso la recitazione di poesie e il riassunto di racconti ed esperienze. Per sviluppare l’abitudine alla lettura, all’ascolto e alla recitazione sono proposti alcuni brani della mitologia classica e dei poemi epici (Iliade e Odissea) che vengono recitati anche mediante l’ausilio di movimenti ritmici. Sono esercitati l’ascoltare, il comprendere, il farsi capire, il raccontare e descrivere, il leggere e comprendere, il relazionare oralmente su un argomento di studio, un’esperienza o un’attività scolastica o extra-scolastica.

Per l’esercizio del linguaggio scritto vengono proposti componimenti su esperienze individuali e collettive dei ragazzi, riassunti scritti di testi letti o di racconti ascoltati; il programma prevede inoltre la compilazione lettere personali che verranno realmente inviate a corrispondenti coetanei di altre scuole o ad altri destinatari.

 

Grammatica (Morfologia): presentazione esaustiva delle restanti parti variabili e invariabili del discorso, il pronome, la preposizione, la congiunzione, l’interiezione, il verbo (modi congiuntivo, condizionale, participio, gerundio; verbi transitivi e intransitivi; forme attiva, passiva e riflessiva; discorso diretto e indiretto).

 

Matematica

Ripresa e approfondimento delle frazioni, calcolo con i numeri decimali, scomposizione in numeri primi, calcolo del minimo comune multiplo e massimo comune divisore, operazioni con frazioni e risoluzione di semplici problemi. Si affrontano le espressioni aritmetiche con i numeri naturali e vengono introdotte quelle frazionarie.

 

Geometria

Enti geometrici fondamentali quali il piano, il punto e la linea. Studio degli angoli e loro proprietà. Caratteristiche delle figure geometriche piane e sviluppo del loro perimetro. Viene esercitato a mano libera il disegno geometrico.

 

 

 

Storia

Si presentano le antiche civiltà, tra esse quella indiana, persiana, sumero/babilonese, egiziana, fenicia, cretese/minoica e soprattutto greca con diversi riferimenti alle mitologie che le riguardano.

 

Geografia

I bambini imparano ad orientarsi nello spazio e sulle carte geografiche, utilizzando riferimenti topologici, punti cardinali e semplici strumenti. Conoscono la propria realtà territoriale e quella della propria regione, passando attraverso il disegno a mano libera di cartine, paesaggi e ambienti naturali e la ‘lettura’ delle cartine geografiche con i loro segni convenzionali. Successivamente, applicano le competenze acquisite anche allo studio dell’Italia in generale, vista sia nella caratterizzazione fisica del suo territorio, sia nell’organizzazione politica, economica e sociale. Le arti plastiche, pittoriche, musicali, recitative e gastronomiche accompagnano e arricchiscono di continuo tutto l’insegnamento della geografia.

 

Scienze

Tema dell’anno è la Botanica con lo studio delle piante e dei loro processi, in riferimento alla vita della terra come organismo vivente unitario. Si possono trattare ancora alcune forme animali dove lo si ritenesse importante.

 

Cittadinanza e Costituzione

L’epoca della Storia greca, in particolare il sorgere delle polis e delle prime forme di democrazia, fornisce un particolare contributo al tema del significato delle formazioni sociali; ciò crea una base per l’approfondimento negli anni successivi della Costituzione italiana. Il percorso di preparazione e le giornate dedicate alle Olimpiadi greche sono una importante esperienza formativa per sviluppare la convivenza sociale e la corretta competizione sportiva. Lo studio della Geografia è importante per favorire l’interesse e la stima per usi e costumi diversi da quelli della regione di appartenenza. Nell’epoca di Botanica il fanciullo è condotto ad acquisire una coscienza più ampia della interrelazione tra vita e ambiente e dell’importanza del paesaggio naturale e della sua tutela per la vita sociale.

 

Lingue straniere

In questa età (11 anni) i bambini hanno una memoria fortemente ritmica. Sono in grado di recitare lunghi poesie e di cantare canzoni / canoni complessi. Basandosi su semplici strutture acquisite in IV classe si può approfondire e ‘allargare’ le conoscenze sulla grammatica. I vocaboli devono essere esercitati/studiati quotidianamente. Può essere introdotto un primo libro di lettura. Parallelamente alla crescente conoscenza di vocaboli il maestro deve cercare di incoraggiare tutti i bambini all’uso fantasioso e sperimentale di tali parole. Anche rispetto alla grammatica  l’insegnante cerca di favorire un risveglio, alla fine dell’anno gli allievi dovrebbero essere in grado di riconoscere alcune differenze importanti rispetto alla lingua madre inoltre dovrebbero essere in grado di comprendere semplici testi e di rispondere a delle domande (listening/reading comprehension / Textverständnis ).

 

Lingue antiche (Greco)

Viene presentato l’alfabeto greco nelle forme e nel suono fino alla composizione scritta e orale di parole significative rispetto al percorso storico epico fatto dai ragazzi con riflessioni etimologiche. Recitazione nella lingua greca di alcuni passi dell’Iliade e dell’Odissea.

 

Euritmia

La quinta classe corrisponde alla fase di crescita fisiologica che si accorda in modo armonico con lo sviluppo dell'interiorità: tutte le esperienze sono ricolme di acuto senso estetico, lo strumento corporeo si adatta con naturalezza ai moti dell'animo, la pienezza dei movimenti manifesta una fase di ricca fioritura della vita interiore. Il bambino sperimenta sicurezza per il proprio compito individuale ripercorrendo il cammino dell'umanità (e quindi il rapporto con la condizione terrestre) degli uomini nelle epoche di civiltà che ci hanno preceduto: riconoscono in essi il proprio personale percorso evolutivo e ne ricavano il senso della vita. Scoprire un rispecchiamento delle forze stellari nella corporeità umana (il pentagramma) dona un sentimento di compiutezza armonica e di bellezza ai movimenti. Essi vengono tratti maggiormente dalle profondità interiori del bambino, così che gli esercizi divengono sempre più una “ginnastica dell'anima”.

Si inizia a scoprire forme geometriche nella figura umana e si impara estenderle nello spazio col movimento; si sperimenta la diversità e lo sviluppo della coscienza umana nel corso dell'evoluzione delle civiltà.

Contenuti:

Forme grammaticali

Forme geometriche: triangoli, quadrati

Forme frontali

Stella a cinque punte

Lemniscate in forme complesse

Forma dell'otto armonico

Passo cosciente

Testi di antiche epoche di cultura

Testi in lingua straniera

Poesie sul mondo vegetale

Melodie a due voci e a canone

Scale musicali di modo maggiore

Esercizi di destrezza e di concentrazione

Esercizi pedagogici (Curva di Cassini)

Danza dell'energia e della pace

 

Musica

Nel canto si continua a esercitare la polifonia e si perfeziona l’uso del flauto dolce.

Si introduce il circolo delle quinte (le Tonalità Maggiori), e dei semplici dettati ritmici e melodici.

L’orchestra diviene un momento importante dove esercitare l’ascolto degli altri, la perseveranza, la pazienza, il rispetto. Si sviluppa inoltre il senso estetico legato a quest’arte e alle sue possibili sfumature (fraseggio, dinamiche, possibilità timbriche, differenze armoniche ecc.).

 

Lavoro manuale

Nella prima parte dell'anno i bambini affinano la loro abilità a maglia:  affrontano la lavorazione con i 4 ferri  e realizzano un paio di calze; le varie parti della calza richiedono cambiamenti nella lavorazione: maglia a coste (gambaletto), maglia rasata (pianta), cali e riprese (tallone e punta).

Tutto ciò richiede  ai bambini un buon grado di presenza. Nella seconda parte dell'anno si propone  la creazione di un grembiule per la falegnameria o di un animale in stoffa o di un guanto da forno. È un lavoro intenso e dinamico: progettare il cartamodello, tagliare la stoffa, assemblare i pezzi cucendoli con precisione, imbottire ( nel caso dell'animale in stoffa), decorare con gusto e senso. Ogni fase del lavoro porta i bambini ad attingere, stimolare qualità differenti, mettendo in opera forze molteplici.

 

Attività motorie e sportive

In classe V inizia il lavoro sulla periferia, senza dimenticare il centro. Il lavoro sarà finalizzato a trovare il giusto equilibrio tra peso e leggerezza, migliorando la sua percezione come singolo, ma in apertura verso il mondo esterno.

Le finalità da perseguire saranno le seguenti:

- miglioramento dell'equilibrio sia statico che dinamico;

- sviluppo della percezione della propria dimensione corporea;

- sviluppo della coordinazione braccia/gambe;

- sapersi muovere nello spazio;

- sperimentare la gioia per il movimento;

- sperimentare soluzioni spontanee nelle diverse situazioni (sia nel gioco che nell’esecuzione di alcuni esercizi);

- imparare ad usare l'attrezzatura in modo appropriato;

- rispettare il lavoro e lo spazio dei compagni;

- saper collaborare, accettare il contributo degli altri, rispettare le regole.

Si utilizzeranno piccoli attrezzi (palle di varia dimensione, bastoni, conetti, over, etc.)

Ginnastica Bothmer: i giochi e i ritmi tra pesantezza e leggerezza; tra larghezza e altezza.

Esercizi a corpo libero. Esercizi con l'utilizzo di piccoli attrezzi. Giochi vari. Lancio del disco.

Tiro del giavellotto. Staffetta. I salti. Giocoleria.